Viaggi in Italia

Io sono stato a Napoli. Con l’automobile di mia madre. Mentre eravamo in viaggio abbiamo visto una Lamborghini gialla con le righe nere, azzurre e bianche e aveva anche la scritta Milionario. Mentre viaggiavamo sull’autostrada ho visto dal finestrino tutte le città che riuscivo a vedere e ho fatto una foto a tutto il panorama. Ci siamo fermati anche all’autogril.
(Lorenzo Santonastaso)

 

Io sono stato a Torre dell’Orso. In auto. Il viaggio è durato 12 ore. Ho visto una pasticceria. Sono andato in mare fino alle boe rosse. Alla mattina mi mettevo il gel. (Jacopo)

 

Io ho visto la Valle dei Templi in Sicilia. Siamo andati lì in vacanza. Poi siamo andati dai parenti a Campobasso.(Sofia)

Io e la mia famiglia siamo andati in Umbria, a Orvieto. Quando ci siamo andati io avevo 4 anni. Ricordo che mia mamma, mentre stavamo andando, ha vomitato. Vicino al lago Trasimewno abbiamo visto un cane meraviglioso. Poi siamo andati a mangiare dal mio bisnonno. Lui scherzava sempre con me. Mi manca tanto. (Leonardo)

 

Io sono stata a Firenze con la macchina di mio papà, di sera. Siamo andati in tre: io, mia sorella e mio papà. Volevano vedere il matrimonio della sorella di mia sorella. Al mattino mi sono vestita e pettinata, poi siamo andati a fare colazione. Ho visto il fiume di Firenze. Abbiamo lanciato il riso agli sposi. Di notte abbiamo lanciato i mazzi di fiuori: l’ha preso una ragazza che non mi piaceva. (Rebecca)

 

Sono andato al fiume Po. Sono andata in auto. Con i miei genitori e mio fratello. Volevamo fare un giro. Ho visto tanti pesci grossi e piccoli. Ho fatto tante buche, tanti castelli. Al Po non c’era nessuno. C’eravamo solo noi. (Gorav)

 

Io sono stata in Toscana. Con l’auto e poi in traghetto. Con i miei genitori. Non avevo mai visto l’Isola d’Elba. Ho visto dei pesci grandissimi. Abbiamo cercato di catturarli ma non siamo riusciti. Ho mangiato del pesce buonissimo. Ho fatto il bagno. (Solangeel)

 

Io sono andato in Puglia questa estate con il camper. Con mio fratello, mio papà e mia mamma. Perché volevamo vedere qualcosa di diverso. Ho visto i trulli di Alberobello e ho visto il Trullo dei fischietti e il Trullo dei liquori.
(Arianna)

 

Io sono stata a Cattolica. Ci siamo andati in auto con la mamma e il papà in vacanza. Ho visto gli scogli. Non mi è piaciuto molto perché c’era un cane che abbaiava e nell’albergo si mangiava male. (Sara)

 

Sono stato a Misano Adriatica in auto con la mia famiglia. Ho visto la fontana rotonda, le sale giochi, la maglietta di Paolo Di Bala, le giostre: la Nuvola, le Molle, la Casa degli orrori (Andrea)
Io sono andato a Novara in auto con mio padre e mia madre per andare a trovare dei parenti. Ho mangiato gli spaghetti, la grigliata e il gelato. Sono andato al parco e ho giocato a calcio. Dopo siamo andati al supermercato. (Mohamed)

 

Sono andata a Milano in treno con la mia famiglia per vedere mio zio. Ho visto la piazza Duomo e poi sono andato al mercato. (Adam)

 

Questi sono alcuni frammenti di cronache di viaggi in Italia fatti da alcuni alunni della classe Quarta di Calerno, scuola primaria Italo Calvino, insieme alla propria famiglia. A volte è proprio sorprendente, di tutto un viaggio che si è fatto, che cosa resta impresso in un bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.