Zebre a pois

 

PIERINO

C’era un bambino di nome Pierino
che giocava in giardino a nascondino.
Non sapeva se scegliere mare o montagna?
Ma che lagna!
Alla fine decide di andare al mare,
ma scoppia il temporale!
Sarà meglio andare a sciare….

*

MAMMA

Cara mamma
sei brava ad amare,
cucinare, aiutare il tuo bambino
quand’è lontano, quand’è vicino,
adesso che è grande,
ma anche quando era piccino.

Cara mamma
sei bella più di una modella
perché brilli come una stella.
Ti voglio talmente tanto bene
che quando ti vedo
non mi circola in sangue nelle vene.

*

LE MIE AMICHE

Le mie amiche
non sono oche.
Le mie amiche
non sono farfalle
ma sono molto belle.
Le mie amiche
non sono giraffe,
ma non sono mai stufe.
Le mie amiche
non sono gatte,
ma bevono il latte.
Le mie amiche
sono tutte
zebre a pois,
zebre a pois.

*

BUONANOTTE

Buonanotte vien di sera
in inverno e primavera,
con le stelle sopra il tetto
io le guardo dal mio letto.
Ma col cielo buio e scuro
mi nascondo dietro il muro.
Ma guardando la luna,
che fortuna!
Nel sonno sprofondo
con tutti i bambini del mondo.

 


 

 

Queste sono alcune delle filastrocche inventate dai bambini e dalle bambine delle classi Prima, Seconda e Terza della scuola elementare di Gavassa nell’anno scolastico 2005-2006.

Dopo aver letto le filastrocche di Bruno Tognolini e averlo incontrato al cinema Rosebud di Reggio Emilia all’interno della rassegna /bao’bab/invito alla lettura, gli alunni hanno posto domande, hanno scritto filastrocche: prima individualmente, poi a gruppi.

Scrivono le insegnanti nella presentazione al libro: “Una cosa sopra tutte le altre Tognolini ha fatto capire agli alunni e a noi tutti: ogni poesia ha un tamburo, un cuore pulsante”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.