Storie di amici nel bosco

Il pettirosso e la puzzola

C’era una volta un pettirosso, di nome Cipì, che un giorno andò a fare provviste nel bosco per l’inverno e lì incontrò una puzzola che si chiamava Fire.

La puzzola disse: “Farò una festa dentro la mia la mia tana. Vuoi venire?”
Il pettirosso rispose: “Sì, certo. Con piacere”.
Il giorno dopo il pettirosso andò alla festa della puzzola. Trovò tantissimo cibo da mangiare: ghiande, noci, mandorle, frutta secca, noccioline e bacche.

Da bere, invece, trovò freschissima acqua di fiume, succo di castagne e bibite d’erba. Quella sera il pettirosso si divertì molto.
Dopo un mese i due si sposarono e fecero una grande festa. Nacquero tre cuccioli: due femmine e un maschio. Le due femmine erano cince e si chiamavano Stella e Mary. Invece il maschio era un pettirosso e si chiamava Gigi.
E vissero per sempre felici e contenti.

(Sara, Sofia Cr, Erika, Caterina, Giorgia)


Il picchio Tamburello e Martino

C’era una volta un bosco. Nel bosco viveva un picchio che si chiamava Tamburello. Stava bene in compagnia, soprattutto in compagnia dei bambini.
Per questo cercava di trasferirsi in una fattoria: per poter giocare con dei bambini. Purtroppo però aveva questa abitudine di fare buchi ovunque. Anche sugli scudi delle finestre.
E per questa cosa tutti l’avevano sempre cacciato da ogni casa e fattoria. Lui se ne andava, triste, un po’ senza capire e un po’ capendo benissimo perché.
Un giorno nel cortile di una fattoria trovò il bambino Martino. Era seduto all’ombra di un albero.
“Cosa ti succede, bambino?”, chiese il picchio.
“Il bambino rispose: “Ciao, mi chiamo Martino. Da questa sera ho promesso che dormirò nella mia camera. Perché il mio papà dice che ormai sono grande e non posso dormire nel lettone insieme alla mamma e al papà. Ma io ho paura. Per questo sono triste e preoccupato”. Il picchio disse: “Anche io ho un problema. Forse possiamo aiutarci. Io ti aiuterò a risolvere il tuo problema e tu mi potrai aiutare a risolvere il mio”.
“Come?”, chiese il bambino.
E il picchio disse: “Tu puoi insegnarmi a picchiettare col mio becco senza che nessuno si arrabbi più con me. E io verrò questa notte a tenerti compagnia così non sarai solo in camera tua: mi metterò sul davanzale della finestra della tua camera”.
Martino fu molto contento di quella proposta e da quel giorno nacque tra loro una grande amicizia.

 

Chi ha realizzato le storie di amici nel bosco? La Scuola primaria IV Novembre di Gavasseto – Classe III  – Anno scolastico:  non indicato. Studenti: Banouni Nabil, Bevilacqua Alessandro, Bondavalli Federico, Burani Erika, Caferra Sofia, Ciriaco Davide, Ciriaco Marco, Coccolini Carlotta, Crotti Sofia, Davoli Sara, Giro Davide, Guidetti Matteo, Igbinobaro Edwine, Iotti Francesco, Leoni Caterina, Andreoli Alex, Martino Vanessa, Menozzi Emanuela, Menozzi Filippo, Monco Greta, Montecchi Simone, Moualime Gassine, Piumi Alessandra, Ruozi Giorgi,a Sanfelice Giuseppe, Vannini Agnese, Vannini Giovanni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*